Il pettirosso arco naturale - Isole della Campania - Meraviglie della Natura

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il pettirosso arco naturale

Isole > I racconti dalle isole


Il pettirosso dell'Arco Naturale

Riflessioni, gioie e tristezze tra la natura delle isole.
Testo e fotografie di Armando Nappi


Percorrendo un sentiero dell’isola di Capri, immersi in un silenzio e in una pace che anche le isole più assediate dai turisti, in alcuni loro angoli, sanno regalare, ci si può trovare dinanzi, a un certo punto, ad un vero e proprio prodigio geologico che è l’Arco Naturale, suggestivo esempio di una delle tante forme che una roccia, quale il calcare, può assumere in seguito ai processi erosivi. Lo si inizia ad ammirare, nella sua imponenza, scendendo dei gradini, comparendo man mano… con discrezione per mostrarsi, al termine del percorso, tutto dinanzi a me e specialmente nelle giornate d’inverno, con i giusti giochi di luce tra cielo e mare, regala sensazioni uniche che riesco meglio a recepire passato lo stato “confusionale” iniziale di quando, ogni volta, lo vedo. Così inizio ad osservare ciò che mi circonda e ad ascoltare il vento, il silenzio (che pure va… ascoltato!), le onde del mare, i versi degli uccelli e… uno strano frullio che, d’improvviso, avverto vicinissimo a me, è proprio il suo battito di ali e allora, prima ancora di vederlo, so che un simpaticissimo amichetto è venuto a farmi compagnia! Si tratta di un pettirosso che qui, chissà perché, è particolarmente confidente. Se altrove ciò è normale, non è purtroppo facile, nel nostro paese, che si verifichi una situazione del genere e forse pure è meglio così visto che, in certe zone, proprio il pettirosso è illegalmente, indiscriminatamente e anche barbaramente catturato per accompagnare un piatto di polenta.
Il pettirosso dell’Arco Naturale, silenzioso e sobrio pur nel suo atteggiamento confidente, compare ogni tanto dal folto della vegetazione, saltella tra una roccia e l’altra e talvolta osa avvicinarsi tantissimo a me, volendo quasi mandare un pacifico messaggio di convivenza uomo-Natura ma, a un certo punto, torna a nascondersi nel groviglio impenetrabile dei profumati arbusti della macchia, affermando così la sua natura di animale selvatico e io, pur considerandolo un amichetto e pur felice della sua compagnia, resto ancor più contento che faccia così convinto che… fa proprio bene! A Capri è presente solo d’inverno, dopo raggiungerà luoghi più idonei alla riproduzione e io gli auguro buon viaggio sperando nel suo rientro, al successivo inverno!


L’Arco Naturale…

… e il pettirosso



 
Torna ai contenuti | Torna al menu